La Silver Economy | 360Consulenza | Consulenza Finanziaria Schio
16386
post-template-default,single,single-post,postid-16386,single-format-standard,extensive-vc-1.7.3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive,evc-predefined-style

La Silver Economy

Dopo la Green Economy, La Silver Economy (economia d’argento) è la nuova opportunità di investimento. Non stiamo parlando di commercio di argenteria, ma dei bisogni dei soggetti over 60. Ovvero di quella che oggi è la fascia di popolazione protagonista dell’economia. Gli over 60, infatti, hanno una disponibilità economica superiore alla media. Ciò si traduce in più consumi, una maggiore attitudine al risparmio e una ricerca di una maggiore qualità della vita. Se oggi formassero uno stato a sé, gli ultrasessantenni sarebbero la seconda potenza economica al mondo, con un potere di acquisto di 15 mila miliardi di dollari, secondo soltanto al PIL degli Stati Uniti di 19 mila miliardi e superiore al PIL cinese di 12 mila miliardi.

Invecchiamento della popolazione

La silver economy è legata all’invecchiamento della popolazione che porta con sé dei rischi finanziari di sostenibilità del welfare, ma anche molte opportunità. Ogni secondo al mondo compiono 60 anni due persone. In Europa, ad esempio, la percentuale di persone con più di 65 anni passerà dal 29,6% del 2016 al 51,2% nel 2070 (fonte: Eurostat).

Quali settori impatta

La silver Economy non costituisce un singolo settore economico, ma impatta in modo trasversale in più segmenti economici diversi. La crescita della popolazione over 60 porterà ad un cambiamento nei consumi e nelle esigenze. Ad esempio, In Italia, la seconda nazione più longeva al mondo dopo il Giappone, con un’aspettativa di vita di 82,5 anni, la Silver Economy vale 620 miliardi e pesa il 40% del PIL. Al centro dell’economia Silver si trovano i settori della sanità e dell’assistenza (8,5 mld di euro), al secondo posto i trasporti (4,1 mld) e al terzo cultura, viaggi e tempo libero (4 mld). Ma impattano anche su settori meno tradizionali, come la domotica, la comunicazione, la cosmesi e l’alimentazione con un particolare interesse per i cibi biologici.

Alta tra i silver è la propensione al risparmio. Ben il 65% dichiara di impegnarsi a risparmiare e crescente è l’interesse per le forme di previdenza complementare: il 42% degli over 65 ha destinato il tfr ad una forma di previdenza integrativa.

In sintesi

La Silver Economy è un driver di crescita dell’economia ed offre grandi opportunità di investimento: un nuovo Megatrend da inserire in portafoglio in ottica di diversificazione.